Ci sarà anche quest’anno il rally di Natale dell'oro e dell'argento? Ci sarà anche quest’anno il rally di Natale dell'oro e dell'argento? Ci sarà anche quest’anno il rally di Natale dell'oro e dell'argento?

Ci sarà anche quest’anno il rally di Natale dell'oro e dell'argento?

Commodities
Ole Hansen

Head of Commodity Strategy

Riassunto:  L'oro sta ancora una volta sfidando la resistenza chiave sopra i 2000 dollari con una rottura che potrebbe creare un altro rally di fine anno, come quello che sia l'oro che l'argento hanno visto negli ultimi sei anni, quando i rally di dicembre di "Babbo Natale" hanno prodotto un rendimento medio dell'oro del 4% e del 7,25% dell'argento. Entrambi i metalli hanno prosperato nell'ultimo mese grazie alla crescente speculazione che la Federal Reserve abbia raggiunto la fine del suo aggressivo regime di rialzo dei tassi e che il prossimo anno potrebbe vedere un'inversione di tendenza. Anche se riteniamo che la tempistica del primo taglio dei tassi sarà il prossimo importante fattore scatenante, potremmo ancora assistere a una rottura al di sopra della resistenza di $2010 che innescherà un movimento FOMO (fear of missing out) al rialzo, supportando potenzialmente il settimo dicembre consecutivo di guadagni sui metalli preziosi.


L'oro sta ancora una volta sfidando la resistenza chiave sopra i 2000 dollari con una rottura che potrebbe creare un altro rally di fine anno, come quello che sia l'oro che l'argento hanno visto negli ultimi sei anni, quando i rally di dicembre di "Babbo Natale" hanno prodotto un rendimento medio dell'oro del 4% e del 7,25% dell'argento. Entrambi i metalli hanno prosperato nell'ultimo mese grazie alla crescente speculazione che la Federal Reserve abbia raggiunto la fine del suo aggressivo regime di rialzo dei tassi e che il prossimo anno potrebbe vedere un'inversione, con un taglio dei tassi di un punto percentuale attualmente scontato per il prossimo anno, con il mercato degli swap che vedrà i primi 25 punti base tagliati entro e non oltre giugno.

Sul fronte macroeconomico, una serie di recenti dati economici provenienti dalle principali economie di tutto il mondo ha rafforzato l’opinione di lunga data secondo cui i cicli di inasprimento aggressivo della Federal Reserve e di altre banche centrali siano terminati, con l'attenzione che ora si sposta sulla tempistica, oltre che sul ritmo, dei futuri tagli dei tassi. Tuttavia, riconosciamo anche che le banche centrali non possono esprimere questa opinione (sul taglio dei tassi) in pubblico, in quanto rischierebbero di aumentare la propensione al rischio al punto da allentare troppo presto le condizioni finanziarie. Una situazione difficile che è emersa chiaramente di recente quando il presidente della Federal Reserve Jerome Powell è stato costretto a ridurre la ripresa accomodante vista dopo la riunione del FOMC (Federal Open Market Committee) del 1° novembre, quando Powell ha lasciato intendere che la Fed ha finito di alzare i tassi.

I mercati finanziari hanno reagito a questi recenti sviluppi spingendo al ribasso i rendimenti dei Treasury statunitensi a lungo termine. Nel frattempo, il dollaro ha subito un ampio arretramento, con l'indice Bloomberg Dollar attualmente vicino a un minimo di tre mesi, mentre i mercati azionari globali sono saliti fortemente, con l'S&P 500 che attualmente mostra un guadagno del 18% da inizio anno. Di recente abbiamo anche notato un rinnovato interesse per i settori colpiti che hanno lottato a causa degli elevati livelli di debito e dell'aumento dei costi di servizio di tale debito. Esempi di settori che ne hanno beneficiato sono stati quelli legati al settore delle energie rinnovabili che sostiene la domanda di metalli come l'argento e il platino.

Il nostro monitoraggio dell'oro mostra come la recente performance robusta abbia lasciato i prezzi dell'oro un po' elevati rispetto ai corrispondenti ma ancora favorevoli movimenti del dollaro e dei rendimenti, mentre il costo del carry, visto attraverso un rendimento leggermente inferiore sui buoni del tesoro statunitensi a 12 mesi, ha iniziato a scendere. Il rapporto rischio/rendimento sembra favorire sempre di più l'oro e che il meglio debba ancora venire. Affinché ciò accada gli investitori hanno bisogno di una convinzione più forte sui tagli dei tassi della Fed al fine di attirare una nuova domanda, compresi i gestori patrimoniali long-only che sono stati venditori netti di ETF per mesi a causa del citato elevato costo di carry.

Le partecipazioni totali degli ETF si sono stabilizzate nell'ultimo mese, ma nel complesso, quest'anno, nonostante il guadagno di quasi il 10% dell'oro spot, ha visto una riduzione di 220 tonnellate e, mentre una riduzione di queste dimensioni dovrebbe normalmente pesare sui prezzi, un'altra fonte di domanda è ancora straordinariamente forte. Nel 2022 le banche centrali hanno acquistato un record di 1.136 tonnellate secondo il World Gold Council, con altre 800 tonnellate acquistate nei primi tre trimestri del 2023, quest'anno potrebbe potenzialmente finire di vedere un altro record consecutivo. Gli acquisti delle banche centrali hanno sostanzialmente messo un pavimento debole sotto il mercato dell'oro, il che ha impedito ai prezzi di rispondere negativamente ai periodi di forza del dollaro e soprattutto all'aumento dei rendimenti reali.

Come accennato, l'oro ha registrato una forte performance a dicembre negli ultimi sei anni, che va dal 2,2% nel 2017 al 6,8% nel 2020, quando l'argento è salito del 16,6%. Il rally di dicembre del 2020 è stato trainato dalla scoperta del vaccino contro il Covid-19, che ha sollevato le prospettive di riapertura, portando a un'impennata dell'inflazione dopo mesi di sussidi governativi e tagli dei tassi da parte delle banche centrali. Anche se riteniamo che la tempistica del primo tasso sarà il prossimo importante fattore scatenante, potremmo ancora assistere a una rottura al di sopra della resistenza di $2010 che innescherà un movimento FOMO (fear of missing out) al rialzo, supportando potenzialmente il settimo dicembre consecutivo di guadagni sui metalli preziosi.

Fonte: BG SAXO

Oro versus minatori d'oro

I titoli dell'estrazione dell'oro sono attualmente sottovalutati su base relativa e assoluta, con la sottoperformance registrata quest'anno tra l'oro spot (+9,8%) e l'ETF Vaneck Gold Miners UCITS (+1,5%) dovuta a diversi fattori. Il più importante sono i minatori che lottano per controllare i costi di manodopera, carburante, materiali in un periodo in cui l'aumento dei tassi di interesse e dell'inflazione si è aggiunto al costo complessivo del finanziamento e della gestione di un'impresa. Inoltre, hanno pesato anche l'aumento dei controlli ESG (Environmental, Social, and Corporate Governance) da parte degli investitori, l'aumento dei costi normativi e l'intervento del governo.

Inoltre, con i trader e gli investitori che finora hanno faticato a vedere l'oro superare i 2000 dollari, ogni rally verso quest'area ha innescato prese di profitto nei titoli minerari. Riteniamo che la prospettiva di un calo dei costi di finanziamento l'anno prossimo e di un aumento dell'oro siano le ragioni per cui il settore minerario sta "recuperando". I minatori sono interessanti in quanto forniscono 1) una leva finanziaria sul prezzo dell'oro, 2) la prospettiva di un aumento dei rendimenti da dividendi e 3) le attuali valutazioni interessanti rispetto al prezzo dell'oro.

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.