Bayer è diventato un caso per l'investitore di lungo termine Bayer è diventato un caso per l'investitore di lungo termine Bayer è diventato un caso per l'investitore di lungo termine

Bayer è diventato un caso per l'investitore di lungo termine

Titoli azionari 4 minutes to read
PG
Peter Garnry

Head of Equity Strategy

Riassunto:  Bayer è stata un incubo per gli azionisti sin dall'acquisizione di Monsanto cinque anni fa. Un verdetto del tribunale di venerdì ha sollevato la possibilità che Bayer possa essere in grado di pagare più dei 16 miliardi di dollari che ha già accantonato. Inoltre, Bayer è appena stata colpita dalla fine di una sperimentazione di fase 3 di un farmaco che il mercato scommetteva per compensare due scadenze di brevetti nella divisione farmaceutica. Tutto ciò che poteva andare storto è andato storto per Bayer abbassando di molto le aspettative. Il caso Bayer è diventato sicuramente interessante per l'investitore di lungo termine con il potenziale rialzo di un potenziale annuncio di scissione del gruppo nel marzo del prossimo anno.


Doppio colpo per Bayer

Le azioni sono crollate del 18% ieri a causa di due cattive notizie. L'incubo legato all'acquisizione della Monsanto cinque anni fa continua a perseguitare Bayer, dato che il verdetto di venerdì sul famoso prodotto della Monsanto, il Roundup, ha aperto ulteriori rischi per l’azienda. Nel peggiore dei casi, Bayer potrebbe dover pagare in un contenzioso più dei 16 miliardi di dollari già stanziati in bilancio.

A peggiorare le cose, l'azienda è stata costretta a interrompere uno studio primario su un farmaco sperimentale in quanto non era abbastanza efficiente rispetto ai parametri di riferimento stabiliti nello studio. Anche nella divisione farmaceutica, le pressioni aumenteranno nel tempo, poiché due dei farmaci ad alto fatturato della divisione stanno affrontando la scadenza del brevetto.

Riuscirà Bayer a trovare una via d'uscita dai suoi problemi?

Come risultato di tutta questa l'incertezza, il prezzo delle azioni di Bayer è sceso del 68% dal suo massimo del 2015 e viene scambiato a livelli che non si vedevano dal 2012. Questo scenario è ovviamente difficile per gli azionisti di Bayer e la domanda è: c'è un percorso verso un futuro più positivo?

I costi del contenzioso con la Monsanto potrebbero superare i 16 miliardi di dollari, ma si tratta di una voce una tantum e quindi non di competenza della Bayer. Il fallimento dello studio di fase 3 del farmaco asundexian è una battuta d'arresto significativa perché gli analisti stavano modellando il valore della divisione farmaceutica su questo farmaco per compensare il previsto calo delle entrate e della redditività dalle scadenze dei brevetti spiegate sopra. Con il multiplo EV/EBITDA forward a 2 anni di Bayer che si aggira appena sopra 6x, la società è valutata a forte sconto (~33%) rispetto al mercato azionario complessivo. C'è quindi un livello naturalmente basso di aspettative che lo rende un caso, ma bisogna essere chiari sui catalizzatori. Un'altra cosa fondamentale, o rischio se volete, è che il valore di mercato è sceso a 33,5 miliardi di dollari, che è al di sotto del debito netto del bilancio, che è un territorio pericoloso da percorrere per qualsiasi azienda. Qual è quindi il focus e le prospettive per gli investitori in Bayer?

Il prossimo anno sarà probabilmente un altro anno di transizione, con nuvi che incombono sull'azienda; gli investitori dovranno essere pazienti. Bayer ha ancora un'unità scientifica di prim'ordine per le colture, anche se si prevede che l'unità dovrà affrontare venti contrari nel 2024 anche se è ancora molto redditizia. Gli analisti prevedono un fatturato FY23 di 47,9 miliardi di euro e un EBITDA di 10,8 miliardi di euro e l'EBITDA si è aggirato costantemente intorno agli 11-13,5 miliardi di euro per sei anni, a testimonianza della bassa varianza delle sue operazioni. Il potenziale catalizzatore da qui è una potenziale divisione del gruppo per sbloccare valore, come abbiamo visto da Siemens e GE negli ultimi anni. Il prossimo Capital Markets Day è il 5 marzo 2024 e sarà probabilmente l'evento chiave in cui tale annuncio potrebbe essere fornito al mercato.

Gli analisti prevedono che il dividendo sarà ridotto a 2,15 euro per il FY23; su base forward equivale a un rendimento da dividendo atteso del 6,3%. Se assumiamo che Bayer non abbia bisogno di aumenti di capitale e assumiamo che sia in grado di seguire i tassi medi di crescita economica nei prossimi 10 anni, allora l'aspettativa di rendimento del tasso reale è del 6,3% + 2%, quindi circa l'8,3% di rendimento annualizzato del tasso reale. Si tratta di uno spread positivo di circa 3 punti percentuali rispetto al mercato azionario, che riflette l'incertezza e i rischi legati all'investimento in Bayer e il rischio che i dividendi possano diminuire ulteriormente in futuro.

Sebbene sia un momento difficile per Bayer, l'azienda ha dimostrato la sua capacità di crescere nel corso di molti decenni e di creare valore aziendale. Un investitore a lungo termine in Bayer ipotizza una risoluzione definitiva del contenzioso con la Monsanto, una probabile separazione di attività, una stabilizzazione o crescita dei prezzi della protezione delle colture in futuro. Tutto ciò richiederà molta pazienza.

Fonte: BG SAXO

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.