La recessione e non l'inflazione è il vero killer del mercato azionario La recessione e non l'inflazione è il vero killer del mercato azionario La recessione e non l'inflazione è il vero killer del mercato azionario

La recessione e non l'inflazione è il vero killer del mercato azionario

Titoli azionari 5 minutes to read
PG
Peter Garnry

Head of Equity Strategy

Riassunto:  il rapporto sull'inflazione statunitense di ieri è stato una sorpresa, spingendo al ribasso i mercati azionari, in particolare il Nasdaq. Questa inflazione più alta del previsto ha spinto le aspettative di taglio dei tassi più avanti nel calendario. Un taglio dei tassi a marzo è fuori discussione, con il primo taglio a maggio o giugno, ed entro dicembre potremmo vedere quattro tagli. Si tratta di un cambiamento drastico rispetto ai sette tagli previsti all'inizio di quest'anno. Che cosa è successo? L'inflazione vischiosa dei servizi core, sostenuta dalla dinamica salariale, si rifiuta di muoversi e il settore manifatturiero globale mostra segni di vita. Se l'economia dei beni si aggiungesse a questa inflazione già ostinata, le cose potrebbero diventare interessanti. Gli investitori dovrebbero preoccuparsi? Finché l'inflazione rimane al di sotto del 4%, la recessione conta di più. Se l'economia rimane a galla, il sentiment dovrebbe rimanere positivo. Tuttavia, le recenti valutazioni alle stelle potrebbero diventare un problema se le società non riusciranno a soddisfare le aspettative sugli utili.


La dinamica dell'inflazione sta ritardando le speranze di taglio dei tassi del mercato

Il rialzo a sorpresa di ieri nel rapporto sull'inflazione di gennaio negli Stati Uniti, che mostra l'CPI su base annua del 3,1% rispetto al 2,9% stimato e l'CPI core su base annua del 3,9% rispetto al 3,7% stimato, ha spinto le azioni al ribasso, con i futures sul Nasdaq 100 che hanno guidato i ribassi dell'1,6%. Tuttavia, i futures sui principali indici tecnologici sono già in rialzo dello 0,6% oggi, riflettendo che questa sorpresa dell'inflazione farà deragliare il rally azionario per ora. Prima di approfondire cosa significhi il rapporto sull'inflazione di ieri per il mercato azionario, vale la pena osservare il cambiamento del mercato nei prezzi dei tagli dei tassi della Fed.

La tabella seguente mostra che l'attuale tasso effettivo della Fed del 5,33%, con i futures SOFR a 3 mesi del 24 marzo che ieri hanno chiuso a un tasso stimato sui Fed funds di 5,28, riflettendo che un taglio dei tassi di marzo è completamente scontato. La tabella mostra anche i tassi stimati dei Fed Fund in diversi punti temporali rispetto ai futures SOFR di una settimana fa e la differenza con quelli attuali. Come possiamo vedere, rispetto a solo una settimana fa, il mercato ha rimosso un intero taglio dei tassi (25 punti base) entro la riunione del FOMC di luglio. L'attuale tasso stimato sui Fed funds alla riunione di luglio è ora di 39 punti base, al di sotto dell'attuale tasso effettivo, suggerendo che il mercato si sta orientando verso due tagli dei tassi entro la riunione del FOMC di luglio, ma che è vicino al 50/50. La tabella mostra anche che il mercato sta scontando quattro tagli dei tassi (il contratto del 24 dicembre stima un tasso sui Fed funds di 91 punti base al di sotto dell'attuale tasso effettivo) entro la riunione del FOMC di dicembre, il che rappresenta un cambiamento drastico rispetto all'inizio di quest'anno, quando il mercato era a sette tagli dei tassi. Che cosa è cambiato?

Al 1° febbraio, c'erano diversi fattori che indicavano che la Fed avrebbe potuto “tirare il freno a mano” per il taglio dei tassi. Alcune di queste sono state l'inflazione vischiosa dei servizi core, le condizioni finanziarie accomodanti, la crescita tendenziale dell'economia statunitense e l'inasprimento del mercato del lavoro sono le recenti osservazioni mensili. Il rapporto sull'inflazione di ieri ha mostrato esattamente ciò di cui abbiamo parlato, ovvero che le dinamiche salariali stanno creando un'inflazione vischiosa dei servizi core, che ieri ha guadagnato lo 0,66% su base mensile, e annualizzando i dati medi su base mensile a 6 mesi ha raggiunto il 5,6% su base annua. L'ipotesi al rialzo dell'inflazione è questa. Gli effetti base derivanti dal calo dei prezzi dell'energia stanno diminuendo e il settore manifatturiero globale sta mostrando segnali positivi, con i dati PMI che mostrano i livelli di attività più alti dall'agosto 2022. Immaginate che l'economia dei beni si rimetta in moto dopo l'attuale inflazione appiccicosa dei servizi?

Gli investitori dovrebbero essere preoccupati per queste dinamiche inflazionistiche e per il fatto che il percorso verso il tasso a termine stimato dei Fed Funds dalla Fed sarà presumibilmente più lungo? Finché l'inflazione complessiva rimane al di sotto del 4%, non siamo preoccupati per i rendimenti azionari dal punto di vista dell'inflazione. Una recessione significa molto di più per i rendimenti azionari, quindi finché non vedremo chiari segnali di una recessione in arrivo, il sentiment azionario rimarrà positivo. Tuttavia gli elevati livelli di valutazione azionaria sono piuttosto elevati e rappresentano quindi un rischio nel caso in cui le società non fossero improvvisamente in grado di soddisfare tali elevate aspettative.

Future Nasdaq 100 | Fonte: BG SAXO

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.