Quali sono i settori più attraenti per l'investitore a lungo termine? Quali sono i settori più attraenti per l'investitore a lungo termine? Quali sono i settori più attraenti per l'investitore a lungo termine?

Quali sono i settori più attraenti per l'investitore a lungo termine?

Titoli azionari 4 minutes to read
PG
Peter Garnry

Head of Equity Strategy

Riassunto:  Secondo le previsioni, il settore sanitario promette di registrare rendimenti a lungo termine più interessanti, trainato dalla prospettiva di una crescita significativa degli utili reali. Al contrario, nonostante gli elevati rendimenti da dividendi, il settore energetico è proiettato verso una crescita reale negativa, principalmente a causa dell'effetto dell'elettrificazione e di altri fattori. Gli investitori sono invitati a considerare diversi fattori, tra cui i rendimenti da dividendi, i buyback e la crescita reale degli utili a lungo termine, per stimare i rendimenti futuri.


L'assistenza sanitaria è il settore più attraente

I settori sono un buon modo per filtrare il mercato azionario perché è possibile diversificare il portafoglio o ottenere un'esposizione alle giuste tendenze a lungo termine. MSCI, il principale fornitore di indici al mondo, ha definito 11 settori (si veda la tabella seguente) che coprono le diverse parti dell'economia e del mercato azionario. Quattro di essi (energia, beni di consumo di base, assistenza sanitaria e servizi di pubblica utilità) sono definiti difensivi, il che significa che sono meno sensibili ai cambiamenti nei cicli economici (cambiamenti nella crescita economica). Quali sono quindi i settori che offrono i rendimenti a lungo termine più interessanti con i dati che abbiamo oggi?

Come mostra la tabella, i quattro settori più interessanti sono l'assistenza sanitaria, l'IT, la finanza e l'energia. L'assistenza sanitaria è di gran lunga la più interessante, trainata dalla più alta crescita attesa degli utili reali, che sta eclissando persino il settore IT. L'ultimo slancio di crescita dei farmaci per l'obesità di Eli Lilly e Novo Nordisk contribuisce significativamente a spiegare la solidità del settore sanitario.

Vale anche la pena notare che i servizi di pubblica utilità e il settore immobiliare sono i due settori peggiori che offrono rendimenti a lungo termine poco interessanti. Il loro rendimento da dividendi potrebbe essere vicino al 4%, ma questi due settori sono anche gli unici che stanno emettendo capitale (rendimento negativo per il riacquisto) per sostenere i loro bilanci. Ciò non sorprende, dato che entrambi i settori utilizzano il debito per finanziare le loro operazioni e, con rendimenti obbligazionari più elevati, la pressione finanziaria è in aumento.

Un'ultima osservazione è che solo cinque settori hanno stime positive sulla crescita degli utili reali, evidenziando la "grande rotazione" dell'economia dai settori ad alta intensità di capitale a quelli trainati dai beni immateriali.

L'EPS (g) è la crescita degli utili reali attesi a lungo termine, LT e(r) è il rendimento atteso a lungo termine, MOM è il momentum dei prezzi a 12 mesi nel settore e P/E è il rapporto prezzo/utili a termine a 12 mesi.

La lunga siccità dell'energia

Come mostra la nostra tabella con i rendimenti a lungo termine, l'elevato rendimento del capitale del settore energetico è trascinato al ribasso dai bassi tassi di crescita reali attesi per gli utili. La spiegazione può essere ricavata dal grafico sottostante. Misura i ricavi per azione in USD negli ultimi 10 anni. Non esattamente un'impresa orientata alla crescita. In effetti, la crescita nominale annualizzata è stata del -0,2%, ma con un'inflazione del 2,7% annualizzata nello stesso periodo, la crescita reale dei ricavi è stata del -2,9% annualizzata. Ciò riflette una combinazione di USD più forte, prezzi dell'energia più deboli e crescita dei volumi debole.

Gli investitori a lungo termine dovrebbero capire che, sebbene il settore energetico sia interessante grazie all'elevato rendimento da dividendi e ai numerosi riacquisti di azioni proprie, il tasso di crescita reale previsto dovrebbe essere negativo. L'elettrificazione nei prossimi decenni probabilmente non migliorerà le cose. Allora perché avere il settore dell'energia in portafoglio? Perché è un settore difensivo, e il settore che fornisce la massima protezione nel caso in cui l'inflazione torni ad avanzare.

Come stimare i rendimenti attesi a lungo termine?

Molti investitori al dettaglio sono portati a pensare che i rapporti P/E siano la risposta a tutto anche indipendentemente dal fatto che l’asset sia costoso o meno. Tuttavia non è così semplice. Il modo in cui costruisci le tue aspettative a lungo termine è partire con il rendimento da dividendi. Successivamente si aggiunge il rendimento da buyback (la quantità di azioni che la società ha riacquistato nell'ultimo anno). I riacquisti sono un altro modo (spesso efficiente dal punto di vista fiscale) per restituire il capitale agli azionisti. La somma dei due è chiamata rendimento del capitale. Si tratta del rendimento reale atteso a lungo termine per gli azionisti nell'ipotesi che un'azienda o un settore possa far crescere gli utili con l'inflazione (quindi una crescita reale pari allo zero per cento). Se un'azienda o un settore può crescere più velocemente dell'inflazione, si aggiunge il tasso di crescita degli utili reali atteso e si ottiene il rendimento stimato a lungo termine. Utilizziamo la crescita storica dei ricavi reali come indicatore futuro per la crescita degli utili reali, in quanto è più stabile, ma l'ipotesi di base è che il margine di profitto non cambierà molto in futuro.

La somma di questi tre fattori (rendimento da dividendi, rendimento da buyback e crescita degli utili reali a lungo termine) porta al rendimento atteso a lungo termine. Come si può vedere dalla prima tabella, l'assistenza sanitaria ha un rendimento atteso migliore rispetto ai finanziari, nonostante sia valutata a un premio P/E significativo, mostrando esattamente il punto che il rapporto P/E non è un buon indicatore per i rendimenti a lungo termine.

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.