Previsioni sul CPI USA e sulla Fed: ritardi, ma accomodanti Previsioni sul CPI USA e sulla Fed: ritardi, ma accomodanti Previsioni sul CPI USA e sulla Fed: ritardi, ma accomodanti

Previsioni sul CPI USA e sulla Fed: ritardi, ma accomodanti

Macro 6 minutes to read
Charu Chanana

Market Strategist

Punti chiave:

  • Le decisioni politiche dell'CPI statunitense e del FOMC sono eventi chiave sul radar del mercato questa settimana;
  • L'attenzione del mercato è rivolta ai progressi della disinflazione; L'inflazione più debole del previsto di aprile ha alimentato le speranze di tagli dei tassi, ma il dato sull'CPI di maggio sarà cruciale per confermare questa tendenza;
  • Si prevede che la Federal Reserve manterrà i tassi di interesse invariati al 5,25-5,50%, con il dot plot e i commenti del presidente Powell che forniscono informazioni sulla futura politica monetaria;
  • È probabile che il punto mediano per il tasso dei Fed Funds vagli l'atteggiamento aggressivo per riflettere due o meno tagli dei tassi quest'anno, ma il mercato è in prima linea e non è probabile una reazione aggressiva così significativa. Anche il presidente Powell probabilmente bilancerà la narrazione nella sua conferenza stampa.

Due dati macro chiave negli Stati Uniti sono sul radar per questa settimana:

  1. CPI USA in arrivo mercoledì 12 giugno 2024 alle 1230 GMT;
  2. La decisione politica del FOMC è prevista per mercoledì 12 giugno 2024 alle 18:00 GMT.

 

Anteprima  del CPI USA: continuano i test di disinflazione

L'inflazione rimane in cima ai pensieri degli operatori di mercato e probabilmente un catalizzatore maggiore per la decisione della Fed a questo punto rispetto all'altro mandato della piena occupazione. Ciò è dovuto al fatto che all'inizio di quest'anno c'erano alcuni interrogativi sulla traiettoria di disinflazione dell'economia statunitense, quando tre pubblicazioni consecutive dell'inflazione sono risultate superiori alle attese. L'inflazione vischiosa ha fatto sì che il mercato abbia respinto le aspettative di taglio dei tassi della Fed e la Fed dovrebbe iniziare il suo ciclo di allentamento solo a dicembre.

Sebbene l'inflazione di aprile sia risultata più debole del previsto, aprendo nuovamente la strada a tagli dei tassi dopo il respingimento iniziale, abbiamo sostenuto che un mese di dati non costituisce una tendenza. Ciò mette il dato sull'inflazione di maggio pesantemente sotto il radar, per confermare che la disinflazione sta progredendo e per dare fiducia alla Fed per tagliare i tassi quest'anno.

Le aspettative del mercato sono le seguenti:

  • CPI primario: 3,4% a/a (come ad aprile) e 0,1% su base mensile (rispetto allo 0,3% di aprile);
  • CPI Core: 3,5% a/a (rispetto al 3,4% di aprile) e 0,3% su base mensile (come ad aprile, minimo da 3 anni).

Le misure chiave su cui concentrarsi saranno:

  • CPI core su base mensile:  se questo arrotonda lo 0,2%, può offrire sollievo ai mercati, ma se arrotonda allo 0,4%, potrebbe esserci un ulteriore respingimento sui prezzi del taglio dei tassi della Fed per quest'anno;
  • Inflazione supercore su base mensile (servizi core meno abitazioni): anche questo è un obiettivo chiave per i mercati ed è ancora ai massimi dello 0,42% su base mensile ad aprile. Ma i mercati saranno probabilmente sollevati se scenderà al di sotto dello 0,4%;
  • Tendenze annualizzate – Anche le tendenze annualizzate dell'inflazione a 3 e 6 mesi sono attentamente monitorate dai mercati.

    Here, we outline the market scenarios for Core CPI print on a MoM basis:

    CPI core (su base mensile)

    La reazione del mercato

    Implicazioni per gli investimenti

    <0.3%

    Le aspettative sul taglio dei tassi da parte della Fed potrebbero spostarsi a settembre o novembre

    Propensione al rischio, potenzialmente positiva per le azioni e negativa per l'USD. I rendimenti a 2 anni potrebbero scivolare sotto il 4,75%.

    0.3-0.4%

    L'aspettativa di un taglio dei tassi da parte della Fed per dicembre rimane

    Neutrale e rinviato alla decisione della Fed poche ore dopo. I rendimenti a 2 anni potrebbero ancora scendere. 

    0.4-0.5%

    I prezzi complessivi per i tagli dei tassi della Fed per il 2024 scendono da ~35 punti base a 25 punti base

    Avversione al rischio, che probabilmente spingerà le azioni al ribasso e l'USD al rialzo. Rendimenti a 2 anni in rialzo verso il 5%

    0.5%+

    I tagli dei tassi della Fed vengono posticipati dal 2024

    Forte avversione al rischio, i rendimenti a 2 anni salgono verso il 5%, le azioni potrebbero scendere del ~2%, l'USD si rafforza

     

    Anteprima del FOMC: i punti mediani si spostano verso un falco, ma Powell bilancerà la narrativa

    La Federal Reserve statunitense dovrebbe mantenere i tassi di interesse invariati al 5,25-5,50% mercoledì. L'attenzione del mercato si concentrerà sul dot plot e sulla conferenza stampa del presidente Powell per valutare il percorso della politica monetaria nel secondo semestre e oltre.

    Il dot plot delinea le opinioni dei singoli membri sul percorso dei tassi di interesse ed è un'importante fonte di indizi per analizzare il pensiero dei membri del comitato della Fed. Il mercato di solito si concentra sul punto mediano, e questo diventa di fatto la previsione di politica monetaria per la Fed, nonostante una scarsa storia del dot plot per prevedere con precisione il ritmo dei cambiamenti di politica monetaria.

    L'ultimo dot plot della Fed di marzo, come mostrato di seguito, ha segnalato che tre tagli dei tassi per l'anno sono rimasti la loro visione centrale, con altri tre tagli nel 2025. Da questa pubblicazione ci sono stati ulteriori segnali di inflazione vischiosa, nonché di un mercato del lavoro robusto, e i commenti del presidente Powell alla riunione di maggio hanno anche segnalato che i tassi potrebbero dover rimanere "alti più lungo".

    Fonte: Federal Reserve

    Ciò ha portato all'aspettativa che il dot plot possa diventare aggressivo alla riunione di giugno di questa settimana, il che significa che potrebbe mostrare due o un taglio dei tassi solo per il 2024, rispetto ai tre di marzo.

    L'economia statunitense è stata un miscuglio e, mentre abbiamo iniziato a vedere una certa debolezza nei dati sull'occupazione (JOLT in calo, richieste di sussidi in aumento), il recente rapporto NFP di venerdì scorso ha messo ancora una volta in dubbio che l'economia abbia urgente bisogno di tagli dei tassi. Riteniamo che questa confusione sarà evidente anche nel dot plot della Fed, che potrebbe vedere una dispersione più ampia del solito nelle previsioni dei diversi membri del comitato.

    Lo scenario di base sarebbe che il punto medio rifletta due tagli dei tassi per quest'anno. Passare subito a un taglio dei tassi potrebbe essere rischioso nel caso in cui l'economia si indebolisse bruscamente nei prossimi mesi e poi potrebbe essere costretta a tagliare i tassi più di una volta quest'anno. Tuttavia, c'è una parte significativa del mercato che si aspetta che la Fed mostri uno o nessun taglio dei tassi al dot plot di giugno. Uno di questi campioni è il sondaggio Bloomberg, che mostra che il 43% degli economisti intervistati si aspetta un taglio dei tassi o nessun taglio dei tassi per il 2024 come proiezione mediana della Fed.

    Tuttavia, anche con due tagli dei tassi come proiezione media, un'ampia dispersione con un gran numero di membri del comitato che spostano il loro punto per riflettere un taglio dei tassi sarebbe un messaggio relativamente aggressivo. Eventuali cambiamenti nelle previsioni sui tassi a lungo termine saranno anche un input chiave nel pensiero della Fed sulla viscosità dell'inflazione e sul percorso della politica monetaria nel ciclo attuale. Il rapporto rischio/rendimento sulla riunione della Fed è apparentemente inclinato verso l'aggressiva, ma ciò significa che il presidente Powell potrebbe fare un tentativo di sembrare neutrale o accomodante per evitare di spaventare i mercati.

    Potenziali implicazioni per gli investimenti

    Nonostante l'atteso spostamento da falco verso il dot plot della Fed nella riunione di questa settimana, è importante capire che il mercato sta anticipando questa aspettativa. Ciò indebolirà l'impatto da falco di una tale decisione, almeno fino a quando il dot plot mediano rifletterà due tagli dei tassi.

    Punto mediano

    La reazione del mercato

    Implicazioni per gli investimenti

    Tre tagli dei tassi

    Le aspettative sulla Fed sul taglio dei tassi potrebbero spostarsi a settembre Propensione al rischio, potenzialmente positiva per le azioni e negativa per l'USD. I rendimenti a 2 anni potrebbero scivolare sotto il 4,75%
    Due tagli dei tassiLieve aumento dei prezzi della curva della Fed a circa ~45 pb dagli attuali 35 pb In gran parte neutrale, il percorso di minor resistenza per le azioni continua a essere più alto. L'USD e i rendimenti a breve termine sono leggermente più bassi e rimangono dipendenti dai dati 
    Un taglio dei tassiI prezzi complessivi per i tagli dei tassi della Fed per il 2024 scendono da ~35 punti base a 25 punti base Avversione al rischio, che probabilmente spingerà le azioni al ribasso e l'USD al rialzo. Rendimenti a 2 anni in rialzo verso il 5% 
    Nessun taglio dei tassiI tagli dei tassi della Fed vengono posticipati dal 2024 Forte avversione al rischio, i rendimenti a 2 anni salgono verso il 5%, le azioni potrebbero scendere del ~2%, l'USD si rafforza

     

    Crediti e Disclaimer

    Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.