Mercato Mercato Mercato

Mercato obbligazionario: cosa osservare questa settimana

Obbligazioni

Riassunto:  Le tensioni geopolitiche e le politiche monetarie delle banche centrali restano in prima linea nelle preoccupazioni del mercato. I timori di una possibile guerra in Ucraina comprimeranno i rendimenti a lungo termine mentre solleveranno la parte corta della curva dei rendimenti poiché il mercato considera che i prezzi energetici saranno sempre più elevati. Anche le forti letture del PMI dell'Eurozona e un indice PCE USA elevato potrebbero contribuire ad anticipare le aspettative di aumento dei tassi. L'incertezza sui mercati obbligazionari rimarrà senza dubbio elevata, contribuendo alla volatilità e a un costante appiattimento ribassista della curva dei rendimenti di Stati Uniti e Regno Unito. In Europa, il focus sarà sui discorsi ufficiali della BCE e sulla possibilità di cessare anticipatamente lo stimolo.


L'incertezza sui mercati obbligazionari rimarrà elevata

Questa appena iniziata è un’altra settimana che vede il mercato incentrato su una possibile escalation delle tensioni in Ucraina. La situazione non è chiara, con rapporti che mostrano che la Russia è pronta a invadere l'Ucraina in qualsiasi momento da una parte e Emmanuel Macron che media per organizzare un vertice tra Vladimir Putin e Joe Biden dall'altra. Una cosa è certa: è probabile che la volatilità sarà elevata fino a quando le truppe russe non si tireranno indietro dal confine ucraino. Fino ad allora, possiamo aspettarci che il mercato azionario rimanga vulnerabile e che i Treasury statunitensi e l'oro rappresentino il rifugio sicuro.

Tuttavia, le tensioni geopolitiche non sono le sole a muovere il mercato dei Treasury USA. Le aspettative di una Federal Reserve più aggressiva continuano ad adeguarsi, facendo avanzare la parte anteriore della curva dei rendimenti o riducendo i rialzi dei tassi di interesse. Mentre all'inizio della scorsa settimana i mercati stavano scontando un aumento del tasso di 50 pb il mese prossimo, venerdì le aspettative sono scese a 25 pb. I discorsi ufficiali della Fed contribuiscono all'incertezza nel mercato dei tassi, in quanto non forniscono indicazioni esplicite. Come evidenziato in una recente ricerca dal guru del mercato monetario Zoltan Pozsar, l'incertezza potrebbe giovare allo scopo della Federal Reserve di rafforzare l'economia in modo più efficiente per combattere le pressioni inflazionistiche. Lo studioso spiega che un modo per farlo è innescare un crollo del mercato, che causa molta rigidità del lavoro.

Anche se la Fed non vuole provocare un sell-off volontariamente, potrebbe essere quasi impossibile evitare fluttuazioni. Da un lato, se non fa abbastanza per frenare l'inflazione, potrebbe innescare un capriccio dell'inflazione. D'altra parte, se è troppo aggressivo, potrebbe derivarne uno sfocato.

Questa settimana, gli investitori dovranno concentrarsi sull'indice di spesa per consumi personali pubblicato venerdì, che dovrebbe raggiungere il 6%. Un superamento potrebbe far rivivere le aspettative di aumenti dei tassi di interesse più aggressivi. Prima di venerdì, il focus sarà sui 2 anni, 5 anni. Asta del Tesoro USA a 7 anni che inizia domani e sugli altoparlanti della Federal Reserve.

Source: Bloomberg and Saxo Group.

Cosa fanno la BCE e la Bank of England?

In Europa, il focus è sui dati PMI di febbraio diffusi questa mattina, che mostrano come la ripresa sia in corso dopo il lockdown invernale. Questo potrebbe incoraggiare le banche centrali a ritirare lo stimolo pandemico più velocemente del previsto. Pertanto, l'attenzione si concentrerà sui funzionari della banca centrale e sui loro discorsi questa settimana. Nel Regno Unito, Bailey parlerà davanti alla commissione del Tesoro del Parlamento per rispondere a domande sull'economia e sull'inflazione. Nell'eurozona, de Cos, Guindos, Schnabel e Panetta interverranno più volte durante la settimana.

Sebbene sia inevitabile che la BCE assuma una posizione meno accomodante con la BOE e la Federal Reserve che aumentano i tassi di interesse in modo aggressivo, riteniamo che lo spread BTPS-Bund sia un buon indicatore di quanto lontano può spingersi la BCE. Finora lo spread BTP-Bund rimane sotto i 200pb, lasciando la banca centrale senza preoccupazioni. Tuttavia, man mano che si allarga al di sopra di questo livello, prevediamo che i funzionari della BCE diventino più cauti.

Le tensioni geopolitiche in Ucraina saranno al centro anche nella zona euro. L'aumento delle tensioni potrebbe vedere i prezzi dell'energia salire alle stelle, contribuendo a politiche monetarie ancora più aggressive.

Source: Bloomberg and Saxo Group.

Calendario economico

Lunedì 21 febbraio

  • Regno Unito: Indice dei prezzi delle abitazioni Rightmove (febbraio), PMI manifatturiero Markit, PMI servizi
  • Giappone: PMI manifatturiera di Jibun Bank (febbraio)
  • Cina: decisione sui tassi di interesse PBoC, indice dei prezzi delle abitazioni (gennaio)
  • Germania: Indice dei prezzi alla produzione (gennaio), PMI manifatturiero Markit, PMI servizi e PMI Composite (febbraio) Prel, rapporto mensile Buba tedesco
  • Francia: PMI manifatturiero Markit, PMI servizi e PMI Composite (febbraio) Prel
  • Eurozona: Markit PMI manifatturiero, PMI servizi e PMI Composite (febbraio) Prel
  • Stati Uniti: Giornata del Presidente

Martedì 22 febbraio

  • Nuova Zelanda: spesa con carta di credito (gennaio)
  • Italia: Indice dei prezzi al consumo (gennaio)
  • Germania: IFO – Business Climate (febbraio), IFO – Current Assessment (febbraio), IFO – Expectations (febbraio)
  • Regno Unito: il discorso di Ramsden della BOE
  • Stati Uniti: Indice Redbook, Indice dei prezzi delle abitazioni (dic), indici S&P/Case-Shiller dei prezzi delle abitazioni (dic), PMI manifatturiero Markit, PMI servizi e PMI Composite (febbraio) Prel, fiducia dei consumatori (febbraio), PMI manifatturiera Markit, servizi PMI e PMI Composite (febbraio) Prel, Asta di banconote a 3 mesi, Asta di banconote a 52 settimane, Asta di banconote a 6 mesi, Asta di banconote a 2 anni

Mercoledì 23 febbraio

  • Australia: Indice dei prezzi salariali (Q4)
  • Nuova Zelanda: decisione sul tasso di interesse RBNZ e conferenza stampa
  • Germania: indagine sulla fiducia dei consumatori di Gfk (marzo)
  • Francia: clima aziendale nel settore manifatturiero (febbraio)
  • Svizzera: Indagine ZEW – Aspettative (febbraio)
  • Eurozona: IPCA (gennaio)
  • Regno Unito: Audizioni del rapporto sulla politica monetaria della BOE
  • Stati Uniti: domande di mutuo MBA, asta di banconote a 5 anni

Giovedì 24 febbraio

  • Australia: spesa in conto capitale privato (4° trimestre)
  • Svizzera: livello di occupazione (Q4)
  • Francia: fiducia dei consumatori (febbraio)
  • Italia: vendite industriali (dic)
  • Stati Uniti: Indice di attività nazionale della Fed di Chicago (gennaio), spese per consumi personali principali (4T) Prel, variazione delle vendite di nuove case (gennaio), asta di banconote a 7 anni

Venerdì 25 febbraio

  • Nuova Zelanda: vendite al dettaglio (Q4)
  • Giappone: Indice dei prezzi al consumo di Tokyo (febbraio), Tokyo CPI ex cibo, energia (febbraio), investimenti in obbligazioni estere, investimenti esteri in azioni giapponesi
  • Germania: Prodotto interno lordo (Q4), Indice dei prezzi all'importazione (Q4)
  • Francia: Indice dei prezzi al consumo (febbraio) Prel, spesa dei consumatori (gennaio), prodotto interno lordo (4° trimestre)
  • Italia: fiducia delle imprese (febbraio), fiducia dei consumatori (febbraio)
  • Eurozona: offerta di moneta M3 (gennaio), prestiti privati (gennaio), clima aziendale (febbraio), fiducia dei consumatori (febbraio)
  • Stati Uniti: spese per consumi personali principali (gennaio), ordini di beni durevoli (gennaio), reddito personale (gennaio), spesa personale (gennaio), sentimento dei consumatori del Michigan (febbraio), vendite di case in sospeso (gennaio).

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.