Il "momento Intel" sta arrivando per Nvidia? Il "momento Intel" sta arrivando per Nvidia? Il "momento Intel" sta arrivando per Nvidia?

Il "momento Intel" sta arrivando per Nvidia?

Titoli azionari 4 minutes to read
PG
Peter Garnry

Head of Equity Strategy

Riassunto:  Nvidia pubblicherà i risultati degli utili martedì dopo la chiusura del mercato statunitense e sarà il fattore determinante per il sentiment non solo sui titoli legati all'intelligenza artificiale, ma anche sull'intero settore tecnologico statunitense. Mentre analisti e investitori sono ancora ottimisti sulle prospettive, le notizie di ieri da Microsoft e Tencent sono potenzialmente un avvertimento di una domanda inferiore nel medio termine. Microsoft sta portando avanti i propri chip AI appositamente costruiti che dovrebbero essere consegnati già il prossimo anno e Tencent ha annunciato di aver acquisito un inventario significativo di chip AI da Nvidia, suggerendo che forse molta domanda è stata anticipata.


Microsoft sta facendo a Nvidia quello che Apple ha fatto a Intel?

Nvidia è stato il titolo più caldo di quest'anno, grazie all’hype intorno all'IA generativa e alla fenomenale guidance sui ricavi di Nvidia nelle due precedenti pubblicazioni delle trimestrali. Nvidia riporterà i risultati del Q3 FY24 martedì dopo la chiusura del mercato statunitense, con gli analisti che si aspettano un fatturato di 16 miliardi di dollari, in aumento del 171% a/a e un EBITDA di 10 miliardi di dollari, in aumento rispetto agli 1,07 miliardi di dollari di un anno fa. Non ci vuole molta immaginazione per capire perché gli investitori sono così entusiasti di Nvidia e perché c'è così tanta attesa per la pubblicazione degli utili di Nvidia. Non c'è mai stato un comunicato sugli utili più importante che definisca un intero settore e stabilisca la direzione generale del sentiment per un intero settore (la tecnologia statunitense).

Ieri, Microsoft ha confermato che sta costruendo i propri chip AI su misura progettati specificamente per l'addestramento di modelli di IA generativa. Questi nuovi chip saranno distribuiti nei data center di Azure già il prossimo anno, il che è alla base della ricerca e sviluppo e dell'implementazione di ChatGPT di OpenAI e Copilot di Microsoft. Con l'utile operativo di Nvidia che dovrebbe raggiungere il 57,1% nel FY24 (fino al 31 gennaio 2024), sembra che ci sia molto da risparmiare per Microsoft se può produrre i propri chip. La mossa ricorda un po' quanto Apple fece contro Intel sul suo iPhone ed è potenzialmente un avvertimento chiave per gli azionisti di Nvidia. Indipendentemente da ciò che accadrà, sembra che le aziende di produttori di semiconduttori come TSMC siano i vincitori dell’hype intorno all'intelligenza artificiale.

Un'altra preoccupazione per gli azionisti di Nvidia dovrebbe essere il commento di ieri del gigante cinese di Internet Tencent che ha affermato di aver acquistato abbastanza chip Nvidia per durare "un paio di generazioni", il che significa che Tencent ha ora il più grande inventario di chip AI in Cina. In altre parole, c'è il rischio che gran parte della domanda sia stata anticipata, il che significa che ci sarà un eccesso e forse una minore domanda dall'altra parte. È interessante notare che Nvidia non presenta mai un outlook a più di 1-2 trimestri, mentre gli analisti sell-side sono disposti a estrapolare l'attuale domanda in modo aggressivo verso l'alto nel FY27 (vedi grafico sotto). Ciò che gli azionisti dovrebbero considerare è se l'industria dell'IA generativa sia valutata davvero 4 volte le entrate di Nvidia nel FY27 rispetto al FY23 o se il front-loading della domanda stia offuscando la vera domanda normale.

Fonte: BG SAXO

Crediti e Disclaimer

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.