L'oro L'oro L'oro

L'oro brilla mentre gli investitori diventano più difensivi

Commodities
Ole Hansen

Head of Commodity Strategy

Summary:  La capacità dell'oro di sfidare la gravità in mezzo all'aumento dei rendimenti reali statunitensi continua e martedì ha raggiunto il massimo da due mesi sui segnali che gli investitori stanno riscoprendo l'appealing dell'oro come scudo contro l'elevata volatilità del mercato azionario e i rischi che il ciclo emergente di rialzo dei tassi possa ridurre le aspettative di crescita senza portare ad un impatto significativo sull'inflazione che appare sempre più tutt'altro che transitoria.


La capacità dell'oro di sfidare la gravità in mezzo all'aumento dei rendimenti reali statunitensi continua e martedì ha raggiunto il massimo da due mesi mentre gli investitori continuano a riscoprire l'appealing dell'oro in un contesto di elevata volatilità del mercato azionario, inflazione tutt'altro che transitoria e preoccupazioni per la crescita. Il piccolo calo dell'oro dello scorso anno, dopo uno straordinario rally del 48% nei due anni precedenti, è stato determinato dalla lunga liquidazione dei gestori patrimoniali tra mercati azionari forti e bassa volatilità, nonché dalla convinzione che l'aumento dell'inflazione si sarebbe rivelato transitorio e non avrebbe rappresentato una minaccia a lungo termine per la crescita e la stabilità dei prezzi. Verso la fine dello scorso anno, si è verificato un grande cambiamento in seno alla Federal Reserve degli Stati Uniti dopo che il team del presidente Biden ha probabilmente chiarito che a Powell che per restare alla guida dell’istituto, avrebbe dovuto concentrarsi sui 150 milioni di lavoratori americani che vedono la loro retribuzione erosa ogni mese in termini reali dall'inerzia della Fed sull'inflazione, piuttosto che concentrarsi sui sostegni all’economia per favorire la lotta alla disoccupazione. Sia Powell che Brainard (il vicepresidente entrante) hanno rispettato questa direttiva e il loro nuovo atteggiamento ha contribuito a far salire i rendimenti reali decennali statunitensi. L'oro è stato scambiato al ribasso all'inizio di questo mese quando i rendimenti reali sono saliti, ma da allora un'offerta sottostante ha lentamente portato i prezzi al rialzo. Ci sono diverse ragioni per il recente cambiamento di focus e, a parte le attuali preoccupazioni geopolitiche che supportano una piccola offerta, ci sono altri e più grandi fattori che emergono, alcuni dei quali sono evidenziati di seguito.

1) La percezione dell'oro come copertura dall'inflazione e come asset difensivo hanno ricevuto una rinnovata attenzione con l'aumento della volatilità del mercato azionario in un un contesto di tassi di interesse in aumento. Allo stesso tempo, riteniamo che l'inflazione rimarrà elevata con l'aumento dei costi di input e l'aumento dei salari come due componenti che non saranno ridotte dall'aumento dei tassi di interesse.

2) Nell'ultimo mese l'oro ha mostrato una crescente immunità all'aumento dei rendimenti reali (grafico sopra) con gli investitori che si sono, invece, concentrati sulla copertura dei propri portafogli dal rischio di rallentamento della crescita e con il calo delle valutazioni del mercato azionario. Aumenti dei tassi ancora più aggressivi potrebbero finire per essere positivi per l'oro poiché aumenteranno ulteriormente il rischio di un errore politico da parte della Federal Reserve in quanto crescono i rischi di recessione. Durante la scorsa settimana le partecipazioni totali in ETF garantite da lingotti sono aumentate di più da settembre 2020 a un massimo di tre mesi a 3083 tonnellate.

3) Nell'ultimo mese, il settore delle materie prime ha continuato a mostrare forza con l'eliminazione del rischio su altre classi di attività che hanno un impatto limitato. Ciò mette in evidenza i solidi fondamentali alla base di molte singole materie prime, in cui molte dovranno affrontare un periodo prolungato di disadattamento tra domanda in aumento e offerta anelastica. Con alcuni degli indici di materie prime più seguiti al mondo che detengono tra il 5 e il 15% della loro esposizione in oro, qualsiasi domanda per questi genererà automaticamente una domanda aggiuntiva di oro.

4) Sebbene i gestori patrimoniali, come mostrato nel grafico ETF sopra, stiano mostrando segni di rinnovato appetito, l'azione sui prezzi non ha ancora suscitato un maggiore interesse da parte dei gestori di fondi con leva, che spesso si concentrano più sullo slancio che sui fondamentali. Nella settimana fino al 18 gennaio, hanno mantenuto una posizione long netta sui futures sull'oro COMEX di soli 84.539 lotti, circa il 71% al di sotto del picco record del 2019. Per attirare la domanda da questo segmento di investitori, l'oro deve almeno superare il ritracciamento del 50% della correzione dal 2020 al 2021 a $ 1877, che è anche il massimo del 2021. Affinché le prospettive rialziste possano essere mantenute, l'oro deve mantenersi al di sopra della sua media mobile a 200 giorni, attualmente a $ 1805, mentre una rottura al di sotto di $ 1790 potrebbe segnalare una correzione più profonda.

Source: Saxo Group

Disclaimer

Le entità di Saxo Bank Group forniscono un servizio di sola esecuzione e di accesso alle analisi, permettendo a una persona di visualizzare e/o utilizzare i contenuti disponibili sul o mediante il sito web. Questo contenuto non è destinato e non modifica né si espande sul servizio di sola esecuzione. Tale accesso e utilizzo è sempre vincolato a (i) i Termini di utilizzo; (ii) Disclaimer completo; (iii) Avvertenza sui rischi; (iv) Regole di ingaggio e (v)Avvisi applicabili a Saxo News & Research e/o ai suoi contenuti, oltre (ove pertinente) ai termini che regolano l’utilizzo degli hyperlink sul sito web a un membro del Saxo Bank Group attraverso l’accesso a Saxo News & Research. Tali contenuti sono quindi forniti come semplici informazioni. In particolare, nessun consiglio deve essere inteso essere suggerito, né su di esso si deve fare affidamento come fornito o approvato da alcuna entità di Saxo Bank Group. Né deve essere interpretato come sollecitazione o incentivo per sottoscrivere, vendere o acquistare alcuno strumento finanziario. Tutte le vostre contrattazioni e investimenti devono essere conseguenti a vostre decisioni autonome, informate e indipendenti. Di conseguenza, nessuna entità di Saxo Bank Group sarà responsabile per ogni eventuale perdita che possiate sostenere a seguito di qualunque decisione di investimento presa a seguito di informazioni disponibili su Saxo News & Research, o come risultato dell’utilizzo di Saxo News & Research. Gli ordini emessi e le contrattazioni effettuate devono essere intesi emessi ed effettuati per conto del cliente presso l’entità di Saxo Bank Group che opera nella giurisdizione in cui il cliente risiede e/o con cui il cliente ha aperto e mantiene il suo conto di trading. Saxo News & Research non presenta (e non deve essere interpretato come suggeritore di) consigli finanziari, di investimento, fiscali o di trading di qualunque tipo offerti, raccomandati o approvati da Saxo Bank Group e non deve essere interpretato come il listino dei nostri prezzi di trading né come offerta, incentivo o sollecitazione per la sottoscrizione, la vendita o l’acquisto di alcunostrumento finanziario. Nella misura in cui qualunque contenuto sia interpretato come ricerca di investimento, siete tenuti a notare e accettare che il contenuto non è destinato e non è stato preparato secondo i requisiti legali necessari per promuovere l’indipendenza della ricerca di investimento e, in quanto tale, verrebbe considerato come comunicazione di marketing in base alle leggi vigenti.

Vi invitiamo a leggere i nostri disclaimer:
Notifica sulla ricerca non indipendente sugli investimenti (https://www.home.saxo/legal/niird/notification)
Disclaimer completo (https://www.home.saxo/legal/disclaimer/saxo-disclaimer)
Disclaimer completo (https://www.home.saxo/legal/saxoselect-disclaimer/disclaimer)