Utility europee: la seconda era dell'elettrificazione Utility europee: la seconda era dell'elettrificazione Utility europee: la seconda era dell'elettrificazione

Utility europee: la seconda era dell'elettrificazione

Titoli azionari 4 minutes to read
Simone di Biase

Head of Relationship Management BG SAXO

Riassunto:  l'elettrificazione è stata un'importante era tecnologica e di crescita dal 1890 al 1930. In quel periodo i combustibili fossili hanno assunto il ruolo di motore di crescita guidato da petrolio e gas, ma oggi giorno l'obiettivo è di limitare le emissioni di carbonio. Di conseguenza, le economie come l'Europa si impegnano a ridurre drasticamente queste emissioni entro il 2050.
Il motore principale per il raggiungimento di questo obiettivo è l'elettrificazione del riscaldamento e dei trasporti che amplierà notevolmente il consumo di elettricità.
In questo report evidenziamo le utility europee e i produttori di apparecchiature elettriche e cerchiamo di individuare le opportunità di questa seconda era dell’elettrificazione.


Un nuovo rinascimento nell'elettrificazione

Secondo Bloomberg New Energy Finance, il percorso dell'Europa verso l'energia pulita (net-zero) nel 2050 rappresenta un'opportunità di investimento da 5,3 trilioni di dollari. Nello scenario principale, il fabbisogno di combustibili fossili diminuisce del 28% in ragione di una forte riduzione della fonte di energia primaria del carbone nella produzione di energia.
La domanda di petrolio potrebbe diminuire del 30% in virtù dell'adozione di veicoli elettrici. La domanda di gas naturale diminuirà solo del 5% poiché questa fonte è ancora fondamentale per la generazione di energia di base. Secondo queste previsioni, l'eolico dovrebbe essere il principale fornitore di energia primaria, con l'eolico offshore come componente principale, trainato dagli sviluppi nelle batterie e dalle tecnologie mature di elettrolisi dell'idrogeno.
La domanda di elettricità dovrebbe aumentare dell'82% verso il 2050 grazie all'adozione di veicoli elettrici, pompe di calore e processi industriali elettrificati. Il settore residenziale rappresenta circa il 30% del consumo totale di elettricità, ma si prevede che questa quota aumenterà nel tempo.

Nel report “Trasformazione del sistema energetico europeo” redatto da McKinsey con orizzonte 2050, la società di consulenza espone le sue ipotesi secondo cui l’aumento della domanda di energia sarà “solo” del 40% perché viene considerato un miglioramento annuo dell'efficienza energetica del 2%.
McKinsey vede un ruolo leggermente più importante per il nucleare, ma conferma che saranno le rinnovabili a guidare la transizione. Anche le regioni della domanda e dell'offerta europee si separeranno e la società di consulenza si aspetta che l'attuale meccanismo di tariffazione dell'energia venga interrotto con l'aumentare del mix di energia rinnovabile. In un rapporto sull'energia nordica si prevede che la domanda di elettricità aumenterà del 60% fino al 2050, quindi c'è un'ampia gamma di previsioni sulla domanda di elettricità.
Tutte le ipotesi di cui sopra indicano una progressione lenta e regolare fino al punto finale nel 2050. Tuttavia, la tecnologia ha la tendenza a sorprendere e la nostra opinione è che l'elettrificazione accelererà ad un ritmo molto più elevato di quanto previsto sopra.
Il consumo medio di energia elettrica domestica in Europa è di circa 3,7 MWh. Si stima che una pompa di calore utilizzi 4 MWh di elettricità all'anno e il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti considera che un veicolo elettrico richieda 3,8 MWh all'anno di generazione di energia. Escludendo eventuali guadagni di efficienza, una famiglia nell'UE sostituendo il riscaldamento a gas con una pompa di calore e sostituendo un'auto a benzina con un veicolo elettrico aumenterà il consumo di elettricità di quasi il 200%. Molte famiglie hanno due auto che nel tempo diventeranno veicoli elettrici, quindi questo rappresenta un ulteriore aumento. La produzione di energia elettrica entrerà senza dubbio nella sua seconda era di boom.

Opportunità nel settore delle utility in Europa

Consideriamo che la trasformazione verde metterà a segno perfomance migliori rispetto al mercato. Questo perché gli investitori dovrebbero lasciarsi sfuggire la più grande trasformazione della società da quando è stata inventata la macchina a vapore che aveva portato ad un'economia basata sul carbone per i successivi 250 anni. La tabella seguente mostra 29 società nel settore delle utility europee (escluse quelle idriche) tra cui tre produttori di apparecchiature elettriche (Schneider Electric, ABB e Siemens Energy). A causa degli alti prezzi dell'elettricità dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, la crescita dei ricavi è stata molto elevata per i servizi elettrici, pari al 49,5% a/a. La domanda da parte degli investitori di azioni di servizi di pubblica utilità europee è stata robusta, con una crescita del 6,9% quest'anno e negli ultimi cinque anni questi titoli sono aumentati in media dell'84%, con il titolo con la migliore performance Verbund, una delle più grandi società idroelettriche d'Europa che opera al più basso costo marginale dell'elettricità.

Il settore dei servizi pubblici può essere suddiviso in diverse parti. Le utility generano la maggior parte della loro elettricità da una fonte di energia che può essere gas naturale, idroelettrica, solare, eolica o nucleare. Alcune aziende sono grandi nella distribuzione mentre altre detengono anche numerosi impianti di generazione di energia. Altre società sono più orientate ai progetti come Orsted, ovvero impiegano know-how e capitale nella costruzione di un asset di generazione di energia come un parco eolico offshore e poi lo vendono a investitori infrastrutturali. Infine, ci sono i produttori di apparecchiature elettriche.
Una delle caratteristiche principali delle previsioni menzionate nella prima sezione è il presupposto secondo cui tutta l'energia eolica dominerà la transizione, il che potrebbe verificarsi se i costi dell'elettrolisi diminuissero consentendo la produzione di idrogeno verde su larga scala. Sembra che molti stiano ancora sottovalutando il solare, che in realtà prevede una crescita della capacità annuale da circa 200 GW nel 2022 a circa 500 GW nel 2026. Il solare ha mostrato grandi miglioramenti tecnologici rispetto all’eolico ed è meno complicato da costruire rispetto all'energia eolica con costi di manutenzione inferiori. In ogni caso, il futuro è difficile da prevedere e un investitore dovrebbe valutare la possibilità di investire su fonti energetiche diverse. Come abbiamo evidenziato in altri precedenti report, l'elettrificazione creerà opportunità in altri settori come l'estrazione del rame, l'estrazione del litio, le apparecchiature per l'elettrolisi, i produttori di veicoli elettrici, l'eolico, il solare, le celle a combustibile, le batterie e le stazioni di ricarica.

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.