Occhi puntati sugli utili di Nvidia mentre il boom dell'intelligenza artificiale raggiunge proporzioni storiche Occhi puntati sugli utili di Nvidia mentre il boom dell'intelligenza artificiale raggiunge proporzioni storiche Occhi puntati sugli utili di Nvidia mentre il boom dell'intelligenza artificiale raggiunge proporzioni storiche

Occhi puntati sugli utili di Nvidia mentre il boom dell'intelligenza artificiale raggiunge proporzioni storiche

Titoli azionari 6 minutes to read
PG
Peter Garnry

Head of Equity Strategy

Riassunto:  i guadagni del Q4 di Nvidia sono molto attesi, con gli analisti che prevedono una crescita record dei ricavi e dell'EPS guidata dalla forte domanda nell'intelligenza artificiale. Tuttavia, l'incertezza avvolge il trimestre a causa dei rischi geopolitici e delle preoccupazioni per una potenziale sovravalutazione. Il tema dell'IA sta guidando i mercati, come dimostrato dal successo di Nvidia e dalle performance correlate delle azioni. Tuttavia, si osservano tendenze simili a bolle, reminiscenti dei boom tecnologici passati, con un sentimento di "paura di perdere" e valutazioni potenzialmente gonfiate nelle azioni legate all'IA.


Il rallentamento del boom dell'IA: Nvidia lo confermerà?

Probabilmente non c'è un comunicato sugli utili più importante per il sentiment del mercato azionario in questo momento degli utili del Q4 di Nvidia che verranno pubblicati mercoledì sera dopo la chiusura del mercato azionario statunitense. Con il boom dell'IA più forte che mai e che si sta diffondendo a un numero sempre maggiore di azioni, tutti gli occhi saranno puntati su questa pubblicazione degli utili. Gli analisti si aspettano un fatturato di 20,4 miliardi di dollari, in aumento del 238% a/a, e un utile per azione di 4,60 dollari, in aumento del 613% a/a, in quello che è probabilmente l'aumento più straordinario mai registrato per un’azienda large cap. Non abbiamo mai visto un'azienda con un valore di mercato di 1 trilione di dollari con un fatturato di 12 mesi di 45 miliardi di dollari e un margine di profitto netto del 55% crescere a questi tassi di crescita vertiginosi.

Il grafico sottostante evidenzia i ricavi trimestrali di Nvidia e le stime degli analisti, proiettando un superamento dei 25 miliardi di dollari entro l'anno successivo. Tale livello di entrate rappresenta un aumento di circa quattro volte rispetto alla fine del 2022. In quel periodo, Nvidia subì una contrazione della domanda causata dalla diminuzione dei prezzi di Bitcoin, con conseguente riduzione della spesa tecnologica, mentre la Silicon Valley si adeguava a tassi di interesse più elevati.

Se diamo un'occhiata alla ripartizione geografica dei ricavi, possiamo vedere che è proprio il segmento statunitense che è decollato nei due trimestri precedenti, seguito da una forte crescita delle vendite cinesi e taiwanesi. Anche nel trimestre precedente Singapore è stata suddivisa separatamente, rappresentando il 15% del fatturato. Questo è naturalmente strano ed è chiaro che Singapore viene utilizzata come hub legittimo per la riesportazione di chip Nvidia in paesi in cui possono essere applicati controlli sulle esportazioni. Come abbiamo evidenziato in passato, una quantità significativa di entrate di Nvidia proviene da Cina e Singapore (37% delle entrate), il che, dati gli attriti commerciali in corso e la potenziale vittoria elettorale di Trump entro la fine dell'anno, potrebbe diventare un rischio geopolitico chiave per Nvidia.

Riuscirà Nvidia a battere le stime e come reagirà il mercato? Nvidia ha battuto i ricavi e l'EPS nelle ultime 7 delle 8 pubblicazioni sugli utili e i recenti segnali di Arm e di altre società nell'ecosistema AI non suggeriscono che la crescita stia rallentando nel breve termine. Siamo propensi a ritenere che gli analisti sottovaluteranno ancora una volta la crescita di Nvidia, ma l'incertezza è 2,5 volte maggiore del normale in merito a questa pubblicazione della trimestrale. La normale media di 1 giorno sugli utili di Nvidia è del 4,3%, ma questa volta le le opzioni scontano il 10,5%. Per avere un'idea della crescita esplosiva delle prestazioni cumulative dell'IA,  riportiamo sotto una slide della recente presentazione agli investitori di Nvidia (vedi sotto).

"...Nvidia e Tesla, dove rimangono interrogativi su come sarà il gioco finale, in termini di quota di mercato. Storicamente, né il settore dei chip né quello delle automobili sono stati business in cui il vincitore prende tutto, ma gli investitori stanno chiaramente scontando la possibilità che l'economia mutevole dei chip AI e delle auto elettriche possa alterare questi business."

Più avanti nell'articolo, Damodaran afferma esplicitamente che Nvidia sembra sopravvalutata nonostante abbia preso in considerazione una significativa crescita dell'IA nei suoi modelli di valutazione, anche se questo è in contraddizione in quanto possiede azioni di Nvidia.

Fonte: presentazione agli investitori di Nvidia

Il tema dell'IA è un motore chiave per i mercati azionari

L'anno scorso è stato all'insegna dell'evoluzione del tema dell'IA l’ottima performance al rialzo registrata dai mercati azionari. Il nostro paniere tematico sull'IA è composto da 20 titoli che hanno un alto grado di esposizione al boom dell'IA, che rappresentano 10 trilioni di dollari di valore di mercato, pari a circa il 16% del valore di mercato dell'indice MSCI World. Come mostra la tabella sottostante, si tratta di un gruppo di società che gode di tassi di crescita vicini alla doppia cifra e di forti margini di profitto. Gli analisti rimangono anche complessivamente rialzisti sui titoli legati all'IA e il rendimento totale medio a 5 anni è significativamente superiore al mercato.

Se diamo un'occhiata alla crescita dei ricavi per questo gruppo di titoli legati all'intelligenza artificiale, possiamo capire perché il mercato si sta entusiasmando per questo tema. La crescita media dei ricavi, esclusa Nvidia, ha toccato il minimo nel Q2 2023 al 2% a/a e finora è rimbalzata all'8,4% a/a nel Q4. Se si include Nvidia nel calcolo, la crescita dei ricavi sale al 15,3% su base annua nel terzo trimestre e senza dubbio aumenterà di nuovo nel quarto trimestre.

Anche il sentiment dell'IA sembra aver raggiunto proporzioni che non si vedevano dalla bolla tecnologica del 2021 e dal periodo delle dot-com. Due titoli, Arm e Super Micro Computer, sono aumentati rispettivamente del 102% e del 197% dal 14 settembre 2023, con la maggior parte del rialzo registrato quest'anno. C'è davvero un senso FOMO nei titoli legati all'IA. Ma con tutte le importanti tecnologie a lungo termine, l'inizio ha le sue tendenze simili a bolle, poiché ci entusiasmiamo troppo a breve termine. Le recenti notizie riguardanti il più recente programma di intelligenza artificiale di OpenAI, chiamato Sora, il quale è in grado di creare video dettagliati di durata maggiore rispetto a prima partendo da input di testo, è un esempio dell'incredibile entusiasmo e hype intorno alla tecnologia AI. Questo boom dell'AI probabilmente non sarà diverso dai cicli precedenti.

Il prezzo delle azioni di Super Micro Computer e Arm indicizzato | Fonte: BG SAXO

Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.