BG SAXO | 5 giorni sui mercati BG SAXO | 5 giorni sui mercati BG SAXO | 5 giorni sui mercati

BG SAXO | 5 giorni sui mercati

Macro 4 minutes to read
bgsaxo square no frame2
BG SAXO

Riassunto:  come ogni settimana BG SAXO analizza quello che è appena avvenuto; verifica quello che succede giorno per giorno; presenta quello che avverrà sui mercati finanziari. In questo report: l’inflazione USA frena le aspettative sul taglio dei tassi e mette pressione sull’oro, l’inarrestabile rally del titolo ARM Holding. Infine, uno sguardo al calendario macroeconomico e alle trimestrali della settimana.


L’inflazione USA frena le aspettative sul taglio dei tassi

  • Martedì 13 febbraio, i dati sull’inflazione degli Stati Uniti hanno scatenato un calo sia sui titoli azionari che sui titoli di stato. Ecco i dettagli: la variazione mensile (MoM) è stata del 0,3%, superando le previsioni del 0,2%; la variazione mensile del core (core MoM) è stata del 0,4%, rispetto al 0,3% previsto; i servizi core hanno registrato un aumento dell'0,7%, con un incremento dell'0,6% nel settore dell'alloggio. Anche il settore medico ha registrato un forte aumento, pari all'0,7%.
  • L’indice S&P 500 è sceso del 1,4%, registrando la peggior giornata da settembre 2022 a seguito dei dati sull’inflazione (CPI). Le azioni sensibili ai tassi, come le imprese edilizie e le banche, hanno ritracciato, e Tesla ha guidato i ribassi delle megacaps. L’indice Russell 2000, che include le società di bassa capitalizzazione, è sceso di circa il 4%. I rendimenti dei titoli decennali statunitensi sono saliti di 14 punti base, raggiungendo il 4,31%. Il cosiddetto rendimento reale ha toccato il 2%. Il dollaro è aumentato, spingendo l’oro al di sotto dei 2.000 dollari. L’indice VIX ha registrato la maggiore crescita da ottobre.
  • La relazione sull’inflazione ha escluso la possibilità di un taglio dei tassi a marzo, ora visto con solo il 10% di probabilità. La probabilità di un taglio dei tassi a maggio è scesa al di sotto del 40%, rispetto al 70% precedente , e il primo taglio dei tassi è previsto solo a giugno.
  • Dopo la volatilità dei prezzi di martedì, negli Stati Uniti si è avuta una visione più mista dei dati, con una diminuzione delle preoccupazioni degli investitori riguardo alla domanda dei consumatori. L’avversione per il rischio è tornato, portando cosi l’S&P 500 al suo massimo storico giovedì, cancellando tutte le perdite di questa settimana. Anche i rendimenti dei titoli statunitensi si sono attenuati.
  • Il 16 febbraio, l’US PPI è risultato più alto del previsto, evidenziando un aumento dell’inflazione sia nell’indice principale che nel core, sottolineando la natura persistente dell’inflazione.
Sulle piattaforme BG SAXO:  Indici e Obbligazioni USA (Future, CFD, Azioni e ETF)

Il ritardo del taglio dei tassi negli Stati Uniti mette sotto pressione l’oro

  • I prezzi dell’oro si sono stabilizzati alla fine della settimana dopo essere scesi al di sotto di un livello chiave di supporto a causa dei dati sull’inflazione degli Stati Uniti di martedì, che hanno nuovamente ritardato il momento del primo taglio dei tassi d’interesse.
  • L’oro è risalito sopra i 2.000 dollari dopo la flessione di martedì, quando ha toccato un minimo di 1.990,30 dollari, poiché il momento del primo taglio dei tassi è stato posticipato – sulla base delle attuali probabilità - all’incontro del 12 giugno del FOMC.
  • I nostri analisti rimangono rialzisti per l’oro e l’argento, ma si evidenzia che entrambi i metalli sono probabilmente destinati a rimanere bloccati ai livelli attuali fino a quando non avremo una migliore comprensione del tempismo dei futuri tagli dei tassi negli Stati Uniti. La direzione a breve termine di entrambi i metalli è dettata dai dati economici in arrivo e dal loro impatto sul dollaro e sui rendimenti.
  • Dal punto di vista tecnico, avendo superato il livello chiave di supporto, il mercato è attualmente coinvolto in una battaglia tra la vendita da parte di strategie di momentum a breve termine e la continua domanda di oro fisico, che supporta un livello di supporto delicato.
Sulle piattaforme BG SAXO: Oro (Future, CFD, Opzioni, ETF)


ARM - Il rally sfida la gravità

Il prezzo delle azioni di Arm | Source: BG SAXO
  • ARM Holding è indubbiamente uno dei grandi vincitori in termini di prezzo delle azioni nelle ultime due settimane. Tuttavia, a livello comparativo, ha raggiunto livelli che non vedevamo dal periodo della bolla delle dot-com.
  • La scorsa settimana (8 febbraio), le azioni di ARM Holding sono schizzate del +60% grazie agli utili del terzo trimestre e alle previsioni di ricavi per l’intero anno, entrambi superiori alle aspettative. I ricavi del terzo trimestre sono stati di 824 milioni di dollari rispetto ai 762 milioni stimati, mentre la previsione per il quarto trimestre è di 850-900 milioni di dollari rispetto ai 779 milioni stimati. Le prospettive erano molto positive e basate principalmente sulla forte domanda di dispositivi di intelligenza artificiale e core per smartphone.
  • Questo aumento del prezzo delle azioni ha portato ARM a un livello che indica la volontà degli investitori di pagare più di 2 volte gli utili operativi futuri rispetto a quelli di Nvidia, che è ampiamente riconosciuta come una delle azioni a grande capitalizzazione più pubblicizzate al mondo. Un altro punto di vista è che ARM sarebbe valutata a 65 volte l’EV/EBITDA previsto per i prossimi 12 mesi, mentre Nvidia era a circa 30 volte.
  • Nonostante questa incredibile valutazione, non si è fermata qui. Il 12 febbraio, le azioni di ARM Holding hanno esteso il loro rally post-guadagni, salendo ulteriormente del 35% (da 115 a 156) e raggiungendo un picco di 164,00 dollari per azione.
  • ARM ha molte prospettive di crescita positive, tra cui i diritti di proprietà intellettuale, la tecnologia V9 più redditizia e un solido orientamento. Attualmente l’azienda ha un margine di profitto netto di circa il 40% e si prevede una crescita del 22% per l’anno fiscale. Tuttavia, può giustificare il livello di valutazione attuale?
  • Dopo il rally post-guadagni del 35%, ARM è valutata a 39,5 volte l’EV/Sales, che per confronto è circa il doppio rispetto all’azionario S&P500 con l’EV/Sales più alto (Prologis a 19,8x) e supera anche l’EV/Sales di Nvidia a 18,7x.
  • Gli investitori di conseguenza guardano al titolo con cautela riguardo ai livelli di valutazione dalla chiusura della scorsa settimana e dopo il recente rally post-trimestrale. Infatti, l’aumento delle previsioni non è sufficiente a giustificare una tale grande rivalutazione di ARM, che è oggettivamente valutata a livelli mai visti prima.

Sulle piattaforme BG SAXO: ARM Holding (Azioni, CFD e Opzioni) 

Trimestrali della settimana

Martedì 20 Febbraio
USA: Walmart
APAC: BHP Group

Mercoledì 21 febbraio
USA: Nvidia
Europa: HSBC Holding

Giovedì 22 Febbraio
USA: Booking, Intuit
Europa: Nestle, Mercedes-benz

Venerdì 23 Febbraio
Europa: Allianz, Deutsche Telekom


Calendario Macroeconomico BG SAXO

Lunedi 19 Febbraio

  • USA: Festa
  • Canada: Festa

Martedì 20 Febbraio

  • Verbali politica monetaria Australia (01:30)
  • Indice generale dei prezzi al consumo Canada (Annuale) - (14:30)
  • Indice principali prezzi al consumo Canada (Gennaio) – (14:30)
  • IPC Canada (Gennaio) - (14:30)
  • Indice predittivo USA (Gennaio) – (16:00)

Mercoledì 21 Febbraio

  • Verbali riunione del FOMC USA (20:00)
  • Scorte settimanali di petrolio USA (22:30)

Giovedì 22 Febbraio

  • Indice direttori acquisti settore manufatturiero Germania (Febbraio) - (09:30)
  • IPC Italia (Gennaio) – (10:00)
  • IPC Italia (Annuale) – (10:00)
  • IPC Zona Euro (Gennaio) – (11:00)
  • IPC Zona Euro (Annuale) – (11:00)
  • Richieste iniziali sussidi di disoccupazione USA (14:30)
  • Indice direttori acquisti settore terziario USA (Febbraio) – (15:45)
  • Indice direttori acquisti settore manufatturiero USA (Febbraio) – (15:45)
  • Vendite abitazioni esistenti USA (Gennaio) – (16:00)
  • Scorte petrolio greggio USA (17:00)

Venerdì 23 Febbraio

  • PIL Germania (4° Trimestre) – (08:00)
  • PIL Germania (Annuale) – (08:00)
  • Indice IFO sulla fiducia delle aziende in Germania (Febbraio) – (10:00)
  • Riunione Eurogruppo (11:00)


Crediti e Disclaimer



Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.