L'impatto delle elezioni americane sul vostro portafoglio L'impatto delle elezioni americane sul vostro portafoglio L'impatto delle elezioni americane sul vostro portafoglio

L'impatto delle elezioni americane sul vostro portafoglio

US Election
Saxo

In questa edizione speciale del podcast di Saxo Market Call, Peter Garnry, Head of SaxoStrats and Equity Strategy, e il nostro ospite, John J. Hardy, discutono delle potenziali ramificazioni delle elezioni del 2024 sui mercati finanziari globali. La discussione esplora diverse questioni chiave che possono essere rilevanti per gli investitori e i trader, con la speranza di fornire una migliore comprensione di come un'elezione altamente controversa potrebbe influenzare l'economia mondiale.

Un'elezione epocale?

Mentre si fa sempre più probabile che le elezioni del 2024 saranno una rivincita tra l'ex presidente Donald Trump e il presidente in carica Joe Biden, Hardy e Garnry discutono le grandi linee del tipo di elezioni che potremmo vivere. Qui si dice che sarà una battaglia tra due dei candidati più impopolari della storia. Contemporaneamente, l'elezione potrebbe essere caratterizzata dalla presenza di un candidato indipendente di rilievo, Robert F. Kennedy Jr, per la prima volta da quando Ross Perot ha ottenuto oltre il 18% del voto popolare nel 1992, sottolineando il potenziale di una significativa perturbazione elettorale.

L'impatto delle finanze sulle elezioni

I due si chiedono se esista un legame tra lo stato finanziario del Paese in un anno elettorale e il risultato elettorale. Utilizzando l'andamento dei mercati azionari e i tassi di inflazione come proxy dell'economia, Garnry osserva che esiste una tendenza storica   secondo cui un'economia debole significa problemi per un presidente in carica in termini di rielezione, anche se osserva che la base dei dati è piuttosto scarsa. Non essendo una scienza esatta e con un'economia statunitense che potrebbe ancora andare da una parte o dall'altra nel 2024, resta da vedere se ciò sarà a favore di Trump o di Biden, ma i dati finanziari come l'inflazione, i posti di lavoro disponibili e la crescita del PIL sono identificati come indicatori chiave da tenere d'occhio sia in termini di popolarità presidenziale che di performance del mercato.

La Fed si terrà alla larga dalla politica?

Garnry e Hardy discutono dell'eventuale ruolo della Fed nelle elezioni. Dopo l'estensione del ciclo di rialzo dei tassi della Fed all'inizio del 2023, il dibattito sulle prospettive di taglio dei tassi da parte della banca centrale statunitense è stato uno dei più importanti all'inizio del 2024. Dato che per l'inizio dell'anno si prevedeva quasi una recessione americana, ci si aspettava un taglio dei tassi. Ma con un'economia che sta resistendo, il ciclo di allentamento è stato rimandato. L'idea di un cosiddetto scenario di "no landing", in cui l'inflazione si riaccende, riportando sul tavolo le considerazioni sul rialzo dei tassi, si è persino riscaldata, sebbene i tagli dei tassi siano ancora più probabili. Ma in questo difficile panorama in cui la Fed deve muoversi, le elezioni non fanno che aumentare la sfida. Se la Fed dovesse tagliare i tassi, un'argomentazione è che probabilmente vorrebbe tagliare in anticipo per evitare qualsiasi impressione di pregiudizio politico in prossimità delle elezioni. Una seconda teoria cospiratoria sostiene che la Fed di Powell favorisca il più mainstream, "amico di Washington" Biden, e che si inclinerà il più possibile verso il dovish per aumentare le sue probabilità di vittoria.

Cosa significherà il nuovo presidente per i mercati finanziari

Nel giudicare cosa significherà l'elezione del presidente degli Stati Uniti per i mercati finanziari, Hardy e Garnry affermano che potrebbe essere un po' presto, in quanto è necessario conoscere il programma del partito di uno dei due candidati, che in teoria non sarà noto fino a quando i candidati non saranno ufficialmente nominati alle convention durante l'estate. Ma ciò che è chiaro è che un punto in cui i due candidati più probabili differiscono è in termini di coinvolgimento degli Stati Uniti nella stabilità geopolitica, in particolare in relazione alla NATO e alla spesa per la difesa. In questo caso, la linea di Biden sarà più incentrata sulla collaborazione con gli alleati a livello internazionale, mentre Trump molto probabilmente ridurrà il coinvolgimento del Paese nei conflitti globali. Ciò avrà, ad esempio, implicazioni per le scorte di difesa europee.

Crediti e Disclaimer

Nessuna delle informazioni e analisi qui contenute costituisce un consiglio di investimento o un'offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere qualsiasi valuta, prodotto o strumento finanziario, effettuare investimenti o partecipare a una particolare strategia di trading. L’investitore si assume la responsabilità di valutare, in modo indipendente, la precisione e la completezza delle informazioni e il relativo utilizzo. La presente comunicazione di marketing non è assimilabile ad alcuna forma di produzione o diffusione di ricerca in materia di investimenti e pertanto non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca. Eventuali informazioni riportate che si riferiscano a rendimenti, non devono essere interpretate come indicazioni di rendimenti futuri o di garanzia di conservazione del capitale investito ma come indicazioni di rendimenti realizzati in passato. Con strumenti finanziari "più negoziati in piattaforma" si fa riferimento al controvalore nominale negoziato su tutte le piattaforme del Gruppo Saxo.